Lunga e la carreggiata direzione la permesso, e nella sua premura di suscitare il lungometraggio non e qualche ottimo

Lunga e la carreggiata direzione la permesso, e nella sua premura di suscitare il lungometraggio non e qualche ottimo

TRAMA FRAGOLA E CIOCCOLATA

dating someone with trust issues

singolo alunno cubano attivista castrista, perche identifica gli omosessuali come „spie del capitalismo”, veterano da una attuale disillusione amorosa unitamente la disinibita Vivian – verso ricerca soltanto di genitali e patrimonio – viene avvicinato, nel momento in cui si trova agitato e affranto con un mescita, da Diego, un intellettuale sopra procinto di arredare http://www.datingmentor.org/it/loveaholics-review/ una sfoggio d’arte, cosicche cerca di adescarlo mediante smaccati atteggiamenti omosessuali. David rifiuta infastidito. Indi, sedotto dalla capacita di leggere opere d’autore, proibite dal andamento, e sentire musiche altrettanto introvabili, comincia a trattare Diego e a fermarsi attratto, non alcuno dalla sua concretezza di gay, quanto dalla sua preparazione di „libero pensatore” nei confronti del castrismo, costrittivo e acritico, in cui e sviluppato. Verso non compromettersi di coalizione alla dottrina argine e discriminatoria dell’isola,

David esige da Diego di ritenerlo sopra pubblico singolo ignoto, di non rivolgergli il cerimonia e di non infastidirlo, nemmanco sopra intimo, insieme vezzeggiativi effeminati. Attraverso il rimanenza lo tratta da identico, mirazione a causa di la ricchezza e l’anticonformismo dei suoi interessi culturali, l’ospitalita, l’assenza di avidita di soldi, la cordialita disinteressata nei confronti di Nancy, una vicina di edificio, formalmente „vigilante” attraverso vantaggio del regime, mediante positivita delusa dall’ideologia e sopra saccheggio per momenti depressivi in quanto la portano a tentativi di danno. Da unito di questi tentativi viene salvata proprio da Diego e David, in quanto si fa elargitore di energia al disposto assistenza attraverso richiamarla con cintura. Indotta dallo identico Diego, Nancy – perche si e affezionata per David – gli offre la davanti vicenda sessuale, affinche lo liberera dalla intenso delusione procuratagli da Vivian, eppure anche dalle limitazioni imposte con comune a Diego, sagace a testimoniargli con un virile abbraccio la propria alleanza, mentre questi decide di partire Cuba, verso sottrarsi alla oppressione prassi a causa di la propria circostanza di „diverso”.

CRITICA DI FRAGOLA E CIOCCOLATA

„Non e una delle tante storie di modello gay giacche dilagano oggi al cinematografo scopo, tolta da alcuni racconti del affermato autore cubano Senel Paz, e diretta dal n. 1 del cinema perche si fa per Cuba, Tomas Gutierrez Alea, di cui si ricordera almeno, nel ’68, 'il tanto svolto 'Memorie del sottosviluppo’. Da evidenziare i dialoghi: servono verso risolvere i caratteri eppure, anzitutto, ad citare in giro ai personaggi, di nuovo con un qualunque segno disputa, la societa cubana anni Settanta, le sue contraddizioni e le sue dubbio, e quelle, non solo anche in sistema secante, di struttura approccio. Un pellicola particolare, percio, come in le sue origini come in delle coraggiose impennate in quanto gli consentono, con difficili contesti, di aiutare certe certezza; non meritava, forse, il onore cui e status subito evento prova l’altr’anno al rassegna di Berlino, tuttavia si lascia trovare privato di difficolta.” (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo’, 2 ottobre 1994)”verso Cuba, se l’unica teatro cosicche lo proiettava ha registrato il totale esausto a causa di mesi, il pubblico applaudiva in assenza di paura le scene centro. Pero modo diceva Gutierrez Alea per Berlino, 'la musica e un’immagine perfetta della pazzia del proiezione: non di piu si affrontano temi delicati, il volume sale’. Il Diego quadro dal pur esperto Perugorria, tutto vezzi e mossette, non e un monumento di ingegno. La foto povera, non pauperista – fermo oblige – fara contorcere il fiuto agli schizzinosi. Intanto che il dolce epilogo non regge il tono scoppiettante dei battibecchi tra David e Diego.

Bensi sarebbe ingeneroso cacciare il pelo nell’uovo insieme un lungometraggio in quanto ha ammaccato l’isolamento durante cui soffocava il cinematografo cubano. E a chi ricorda la fregatura provocata anni fa dal 'Bacio della collaboratrice familiare ragno’, fatto analoga, imballaggio da star system, la miseria di 'Fragola e cioccolato’ sembrera un appendice di ingegno.” (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero’, 8 ottobre 1994)”con un umanita luogo i valori della grazia e della versi sembrano facciata insegnamento, si comincia a pensare giacche proprio gli omosessuali ne conservino il credenza onorandone le dio. Durante opportunita della trasmissione di 'Fragola e cioccolata’ per Berlino, autorita ricordo che i maricones locali hanno la scabrosita di non far mancare i fiori sulle tombe di Marlene e del grande curatore lesbica Murnau estinto nel separato 1931. E fu notata ancora l’affinita fra la spregiudicata cinecommedia cubana e un film politically correct come l’americano 'Philadelphia’, altra effigie tenera e rispettosa di un rendiconto frammezzo maschi: il in fin di vita Tom Hanks e il conveniente amico Antonio Banderas abitano un dimora decorato per mezzo di sapiente eccentricita, che colui di Diego, e similmente ripetutamente reso molto piu decoroso dal irradiazione della ammonimento di Maria Callas, santa protettrice dei diversi.” (Tullio Kezich, 'Il spedizioniere della Sera’, 8 ottobre 1994)